La vecchia regione 3664 di metà maggio é tornata nuovamente visibile intorno al 27 maggio dalla Terra, presentandosi con un bel flare di classe X2.9, ed in effetti qualche rognetta alla nostra propagazione HF l’aveva causata. Rinominata ora come 3697 , continua ad essere abbastanza irrequieta e questa mattina ha prodotto una notevole emissione di protoni veloci tale da far scattare la notifica di tempesta solare di livello S3 da parte dei vari siti che sorvegliano l’attività solare.

Cosa non buona per la nostra propagazione HF:

“I protoni in rapido movimento penetrano nella magnetosfera e vengono guidati lungo le linee del campo magnetico, penetrando nell’atmosfera vicino ai poli nord e sud. Questi protoni ionizzano lo strato D e questo processo impedisce alle onde radio HF di raggiungere gli strati E, F1 e F2 molto più alti dove normalmente si rifrangono e rimbalzano sulla Terra. Tali blackout radio sono noti come eventi di assorbimento della calotta polare (PCA) e possono durare giorni. Il risultato è che la comunicazione radio HF è scarsa o nulla sulle rotte transpolari. Possiamo utilizzare la scala S per stimare la gravità di un evento di assorbimento della calotta polare (PCA).” 

 

Di certo non aiuta per cercare di acchiappare FT4GL e 5U5K che inizia proprio oggi le attività

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Supporta ARI Prato
Sezioni del blog
Storico degli articoli